Tuesday, November 30, 2021
No menu items!
  • Notizia
0 0

Il comitato ristretto del 6 gennaio è l’ultima speranza contro le bugie

Must Read

Nella tradizione del Ringraziamento, Biden concede la grazia presidenziale a un tacchino; entrambi gli uccelli ottengono una tregua

Tuttavia, la tradizione di perdonare un tacchino non è diventata un evento annuale fino a anni dopo, quando il...

Il Nicaragua dice che lascerà l’Organizzazione degli Stati americani

MANAGUA, Nicaragua - Il governo del Nicaragua ha annunciato venerdì che si ritirerà dall'Organizzazione degli Stati americani, un organismo...

Il dibattito sulle armi nucleari in Germania tocca un nervo scoperto della NATO

Che cosa con il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko che arma i migranti contro la Polonia, la Russia che ammassa...
Read Time:5 Minute, 14 Second

Il 6 gennaio House Select Committee ha appena iniziato i suoi lavori e sta già dimostrando il grande valore delle indagini congressuali per il Paese.

Il comitato è stato istituito sullo sfondo di vaste lacune nelle nostre conoscenze sull’attacco al Campidoglio. È un imperativo nazionale – che tutti i leader pubblici dovrebbero condividere – per andare a fondo di ciò che è successo quando migliaia di rivoltosi hanno tentato di far fallire un’elezione equa, minacciando la stessa democrazia americana.

Per il record:

7:28 20 settembre 2021

Una versione precedente di questo articolo riportava erroneamente il nome del presidente del comitato ristretto della Camera del 6 gennaio. È Bennie Thompson, non Bennie Johnson.

Tranne che tutti i leader non condividono questo obiettivo. Quasi l’intero Partito Repubblicano ha tentato di affossare qualsiasi inchiesta sulle cause del 6 gennaio, e quando questo tentativo è fallito, il partito ha rifiutato di partecipare, sperando di sminuire l’indagine come partigiano. Gli unici due membri del comitato del GOP, l’anti-Trumpers Rep. Liz Cheney (R-Wyo.) e Rep. Adam Kinzinger (R-Ill.), hanno sfidato i loro leader quando hanno accettato gli inviti a partecipare all’inchiesta.

Nella sua prima udienza pubblica alla fine di luglio, il presidente del comitato ristretto Rep. Bennie Thompson (D-Miss.) ha chiarito che il potere investigativo del gruppo, comprese le citazioni in giudizio, potrebbe e sarebbe stato usato contro i membri del Congresso – una deviazione dalle pratiche passate – per ottenere la storia completa il 6 gennaio.

Un mese dopo, Thompson inviato ampie richieste di documenti dalle agenzie federali e ha ordinato alle società telefoniche e dei social media di “preservare i registri” di vari repubblicani, tra cui l’ex presidente, la sua cerchia e i suoi familiari, che hanno partecipato al raduno pre-insurrezione “Stop the Steal” il 6 gennaio o che potrebbe aver parlato con il presidente poco prima, durante e dopo l’attacco al Campidoglio. Migliaia di pagine dagli archivi del governo sono state girate il 9 settembre, e altre ne seguiranno.

Non appena le azioni del comitato furono di dominio pubblico, il quoziente di verità tra alcuni membri del GOP migliorò.

Inizia con il rappresentante Jim Jordan (R-Ohio). Pochi giorni dopo la prima udienza del comitato ristretto, un intervistatore televisivo ha chiesto a Jordan se avesse parlato con il presidente il 6 gennaio. Il deputato ondeggiava e si muoveva come un pugile alle corde. Qualsiasi conversazione sarebbe stata semplicemente una routine: “Sì, voglio dire, parlo … con il presidente tutto il tempo. Ho parlato con lui il 6 gennaio. Non credo sia insolito. Mi aspetterei che i membri parlino con il presidente degli Stati Uniti quando stanno cercando di ottenere [things done]. “

Quando esattamente, ha chiesto poi l’intervistatore, lui e Trump hanno parlato? Prima, durante o dopo l’attacco?

Jordan è andato in overdrive di evasione: “Uh, dovrei andare, io, io, io, ho parlato con lui quel giorno dopo, penso dopo. Non so se ho parlato con lui al mattino o no. Non lo so. Uh, dovrei tornare indietro e, voglio dire, non lo so, non lo so. …”

Un mese dopo, non molto tempo dopo che le richieste telefoniche e sui social media del comitato ristretto erano state pubblicizzate, Jordan era molto meno titubante. Citato in Politico, ha affrontato più di una chiamata con Trump il 6 gennaio e si è connesso con il presidente mentre era rannicchiato in una stanza sicura evitando i predoni.

Perché l’improvvisa chiarezza? Forse perché Jordan si rende conto che probabilmente sarà chiamato a testimoniare, sotto giuramento, davanti al comitato e al Paese. Qualsiasi discrepanza tra le sue dichiarazioni pubbliche e prove concrete – come i registri delle compagnie telefoniche – potrebbe rivelarsi umiliante, per non dire politicamente pericoloso. Potrebbe persino metterlo in pericolo criminale.

Questa forza del processo legale è esattamente ciò che è stato negato al paese durante l’era Trump, quando il presidente e i suoi sostenitori hanno sfacciatamente mentito, bloccato e raddoppiato per eludere le richieste di documenti e testimoniare sotto giuramento. Trump ha fatto affidamento sul gettare sabbia negli ingranaggi della giustizia e della burocrazia del governo, manovrando per mantenere il suo comportamento sigillato dal controllo.

Dopo due impeachment e un’indagine di un legale speciale, il risultato è che non sappiamo ancora la verità su gran parte della condotta sospetta dell’ex presidente, e in particolare sul suo ruolo nelle gravi minacce al governo democratico culminate negli eventi del 6 gennaio. .

Il comitato del 6 gennaio sta giocando sul serio e, naturalmente, l’amministrazione Biden si dimostrerà meno un ostacolo del ramo esecutivo per gli investigatori. Gli individui possono ancora tentare di ostacolare, ma Thompson e gli altri membri mostrano tutta l’intenzione di superare le manovre dei repubblicani, incluso il leader della minoranza Kevin McCarthy (R-Bakersfield), un altro membro del Congresso che probabilmente sarà chiamato come testimone.

McCarthy è andato così lontano da minacciare le 30 aziende, tra cui Apple, AT&T e Verizon, a cui è stato chiesto di salvare i record pertinenti delle comunicazioni con il presidente. Sfogliando tali record, McCarthy ha twittato, violerebbe la legge federale (non lo farebbe). Una futura maggioranza repubblicana “non dimenticherà”, ha detto McCarthy. (“Estorsione palese,” ha risposto uno studioso di diritto.) Se McCarthy e altri ostruzionisti riusciranno a fare a modo loro, non sapremo mai la storia completa del 6 gennaio.

Il comitato ristretto della Camera non è una “farsa partigiana”, come ha accusato l’ex presidente. È la migliore e forse l’ultima speranza che abbiamo di contrastare le falsità del GOP: che non ci sia stata insurrezione, che i rivoltosi fossero manifestanti pacifici e che l’unico pericolo per la nostra democrazia fosse un’elezione “rubata” del 2020.

In effetti, il comitato potrebbe ottenere un importante passo avanti. Con i giusti incentivi legali – ampie informazioni e richieste e ordini di documenti, citazioni in giudizio emesse e applicate, testimonianze sotto giuramento – alcuni dei più grandi bugiardi di Washington potrebbero incontrare la loro partita. Gli americani di tutte le tendenze politiche dovrebbero sostenere lo sforzo. Un resoconto completo del 6 gennaio è un requisito fondamentale per mantenere la democrazia americana.

@HarryLitman


Happy

Happy

0 %


Sad

Sad

0 %


Excited

Excited

0 %


Sleepy

Sleepy

0 %


Angry

Angry

0 %


Surprise

Surprise

0 %

- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest News

Nella tradizione del Ringraziamento, Biden concede la grazia presidenziale a un tacchino; entrambi gli uccelli ottengono una tregua

Tuttavia, la tradizione di perdonare un tacchino non è diventata un evento annuale fino a anni dopo, quando il...

Il Nicaragua dice che lascerà l’Organizzazione degli Stati americani

MANAGUA, Nicaragua - Il governo del Nicaragua ha annunciato venerdì che si ritirerà dall'Organizzazione degli Stati americani, un organismo regionale che ha accusato il...

Il dibattito sulle armi nucleari in Germania tocca un nervo scoperto della NATO

Che cosa con il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko che arma i migranti contro la Polonia, la Russia che ammassa truppe al confine con l'Ucraina...

Pneumatici dei palestinesi tagliati nel teso quartiere di Gerusalemme

La polizia israeliana ha sparato e ucciso Khazimia a settembre, quando avrebbe tentato di accoltellare un ufficiale nella Città Vecchia di Gerusalemme. Abu...

La FDA autorizza Pfizer-BioNTech, i booster Moderna per tutti gli adulti

Ma David Dowdy, un epidemiologo della Johns Hopkins, ha espresso scetticismo sul fatto che i booster possano influenzare il corso della pandemia. "Se...
- Advertisement -

More Articles Like This

- Advertisement -