Sunday, December 5, 2021
No menu items!
  • Notizia
0 0

Blinken affronta le critiche al Senato per il ritiro dell’Afghanistan

Must Read

Nella tradizione del Ringraziamento, Biden concede la grazia presidenziale a un tacchino; entrambi gli uccelli ottengono una tregua

Tuttavia, la tradizione di perdonare un tacchino non è diventata un evento annuale fino a anni dopo, quando il...

Il Nicaragua dice che lascerà l’Organizzazione degli Stati americani

MANAGUA, Nicaragua - Il governo del Nicaragua ha annunciato venerdì che si ritirerà dall'Organizzazione degli Stati americani, un organismo...

Il dibattito sulle armi nucleari in Germania tocca un nervo scoperto della NATO

Che cosa con il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko che arma i migranti contro la Polonia, la Russia che ammassa...
Read Time:4 Minute, 22 Second

Per il secondo giorno, martedì il segretario di Stato Antony J. Blinken ha affrontato una raffica di domande dei legislatori statunitensi sul ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan del mese scorso e sui tentativi di salvare le persone e affrontare un futuro governo talebano.

Blinken, testimoniando davanti alla commissione per le relazioni estere del Senato, ha ripetutamente difeso l’operazione di evacuazione del Dipartimento di Stato e dell’esercito americano che ha trasportato in aereo più di 124.000 persone, inclusi quasi tutti i 6.000 cittadini statunitensi che si credeva si trovassero in Afghanistan in quel momento, così come gli afgani vulnerabili.

I repubblicani in particolare hanno martellato l’amministrazione per quello che è stato un ritiro caotico che alla fine ha bloccato migliaia di persone che tentavano di fuggire e ha visto un attentato suicida presumibilmente da parte di militanti dello Stato Islamico che ha ucciso 13 uomini e donne di servizio statunitensi e quasi 200 afgani.

“Non c’è abbastanza rossetto al mondo per mettere su questo maiale”, ha detto il senatore James Risch dell’Idaho, il repubblicano di rango nel comitato.

“Anche se ho sostenuto una fine responsabile della guerra in Afghanistan, nessun americano pensa che avremmo dovuto andarcene in questo modo”, ha continuato Risch prima di perseguire una linea tangenziale di domande sul fatto che gli aiutanti avessero interrotto il presidente Biden nei suoi commenti pubblici. “L’America non può porre fine alle guerre semplicemente allontanandosi”.

Blinken ha osservato che è stata l’amministrazione Trump a raggiungere un accordo con i talebani che ha spianato la strada al ritorno dell’organizzazione islamista al governo. L’amministrazione Trump ha anche quasi chiuso il programma per rilasciare i visti agli interpreti afgani e ad altri che gli Stati Uniti ora vogliono salvare. Il segretario ha espresso gli stessi punti lunedì davanti a una commissione della Camera.

Blinken ha anche affrontato la domanda su come sarà possibile trattare con un governo afghano guidato dai talebani, che finora si è dimostrato lo stesso di quando ha governato brutalmente il paese negli anni ’90, quando ha costretto le donne ad uscire dalla vista pubblica e imposto una forma estrema di Islam.

“Non prendiamoci in giro: non esiste una cosa come un talebano riformato”, ha detto il senatore Robert Menendez (DN.J.), il presidente del comitato. “Questo gruppo è tristemente bloccato nel 14° secolo senza alcuna volontà di uscire allo scoperto”.

Conferire riconoscimento o legittimità a un tale governo sembra impossibile, ha affermato Menendez.

Blinken ha affermato che ci sono aree in cui gli Stati Uniti devono cooperare con i talebani – come nel rimuovere le persone dal paese – ma che il riconoscimento formale è molto lontano e dipende da ciò che fanno i leader.

“Ci aspettiamo che i talebani garantiscano la libertà di viaggio; per onorare i suoi impegni antiterrorismo; difendere i diritti fondamentali del popolo afghano, comprese le donne, le ragazze, le minoranze; nominare un governo permanente ampiamente rappresentativo; rinunciare a rappresaglie”, ha detto Blinken. “La legittimità e il sostegno che cerca dalla comunità internazionale dipenderanno interamente dalla sua condotta”.

I senatori di entrambe le parti si sono chiesti come l’intelligence statunitense abbia potuto giudicare così male la resistenza dell’esercito e del governo afghani, entrambi i quali sono essenzialmente crollati entro 11 giorni. Blinken non aveva alcuna spiegazione.

Il crollo inaspettatamente rapido “è ciò che ha cambiato tutto”, ha testimoniato Blinken. “Anche le valutazioni più pessimistiche non prevedevano che le forze governative a Kabul sarebbero crollate mentre le forze statunitensi sarebbero rimaste”. Valutazioni simili sono state fatte da alti funzionari del Pentagono.

Diversi senatori repubblicani hanno utilizzato l’audizione per evidenziare quelli che considerano i fallimenti di Biden, non necessariamente legati all’Afghanistan.

Alcuni Democratici hanno cercato di scandagliare i fallimenti più ampi e storici del progetto ventennale sull’Afghanistan. Il senatore Tim Kaine della Virginia ha suggerito che gli Stati Uniti hanno cercato di imporre all’Afghanistan un sistema che l’Afghanistan non voleva, il che ha condannato lo sforzo al fallimento.

Nonostante le buone intenzioni, Kaine ha detto, “ammettiamolo, non possiamo convincere il 30% degli americani a farsi vaccinare; non possiamo convincere il 30% degli americani a riconoscere i risultati di un’elezione presidenziale.

“Pensiamo davvero di poter determinare quale dovrebbe essere la cultura di un’altra contea?”

I legislatori hanno anche sollevato un’altra preoccupazione fondamentale: se l’Afghanistan diventi ancora una volta un rifugio per i terroristi. Sotto i talebani negli anni ’90, l’Afghanistan era un rifugio per il leader di Al Qaeda Osama bin Laden e per i suoi luogotenenti. Un recente rapporto delle Nazioni Unite ha affermato che i talebani non hanno interrotto i legami con Al Qaeda come promesso nell’accordo Trump.

In un briefing martedì all’Intelligence and National Security Summit, il capo della US Defense Intelligence Agency, il tenente generale Scott Berrier, ha affermato che potrebbero volerci solo da 12 a 24 mesi prima che Al Qaeda si ricostruisca in Afghanistan e rappresenti una minaccia per gli Stati Uniti

Blinken, nella sua testimonianza, ha riconosciuto che i talebani mantengono legami con Al Qaeda.


Happy

Happy

0 %


Sad

Sad

0 %


Excited

Excited

0 %


Sleepy

Sleepy

0 %


Angry

Angry

0 %


Surprise

Surprise

0 %

- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest News

Nella tradizione del Ringraziamento, Biden concede la grazia presidenziale a un tacchino; entrambi gli uccelli ottengono una tregua

Tuttavia, la tradizione di perdonare un tacchino non è diventata un evento annuale fino a anni dopo, quando il...

Il Nicaragua dice che lascerà l’Organizzazione degli Stati americani

MANAGUA, Nicaragua - Il governo del Nicaragua ha annunciato venerdì che si ritirerà dall'Organizzazione degli Stati americani, un organismo regionale che ha accusato il...

Il dibattito sulle armi nucleari in Germania tocca un nervo scoperto della NATO

Che cosa con il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko che arma i migranti contro la Polonia, la Russia che ammassa truppe al confine con l'Ucraina...

Pneumatici dei palestinesi tagliati nel teso quartiere di Gerusalemme

La polizia israeliana ha sparato e ucciso Khazimia a settembre, quando avrebbe tentato di accoltellare un ufficiale nella Città Vecchia di Gerusalemme. Abu...

La FDA autorizza Pfizer-BioNTech, i booster Moderna per tutti gli adulti

Ma David Dowdy, un epidemiologo della Johns Hopkins, ha espresso scetticismo sul fatto che i booster possano influenzare il corso della pandemia. "Se...
- Advertisement -

More Articles Like This

- Advertisement -