Monday, November 29, 2021
No menu items!
  • Notizia
0 0

L’Iran consentirà nuove schede di memoria nelle telecamere del sito nucleare delle Nazioni Unite

Must Read

Nella tradizione del Ringraziamento, Biden concede la grazia presidenziale a un tacchino; entrambi gli uccelli ottengono una tregua

Tuttavia, la tradizione di perdonare un tacchino non è diventata un evento annuale fino a anni dopo, quando il...

Il Nicaragua dice che lascerà l’Organizzazione degli Stati americani

MANAGUA, Nicaragua - Il governo del Nicaragua ha annunciato venerdì che si ritirerà dall'Organizzazione degli Stati americani, un organismo...

Il dibattito sulle armi nucleari in Germania tocca un nervo scoperto della NATO

Che cosa con il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko che arma i migranti contro la Polonia, la Russia che ammassa...
Read Time:4 Minute, 11 Second

L’Iran ha accettato domenica di consentire agli ispettori internazionali di installare nuove schede di memoria nelle telecamere di sorveglianza nei suoi siti nucleari sensibili e di continuare a filmare lì, evitando una resa dei conti diplomatica questa settimana.

Lo ha annunciato Mohammad Eslami, dell’Organizzazione per l’energia atomica dell’Iran, dopo un incontro tenuto a Teheran con il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi. La decisione, tuttavia, lascia ancora il cane da guardia nella stessa posizione che ha affrontato da febbraio.

Teheran detiene tutte le registrazioni nei suoi siti mentre i negoziati tra Stati Uniti e Iran per il ritorno all’accordo nucleare del 2015 rimangono bloccati a Vienna. Nel frattempo, l’Iran sta ora arricchendo piccole quantità di uranio ai suoi livelli più vicini alla purezza delle armi mentre le sue scorte continuano a crescere.

“Sono lieto di poter dire che oggi siamo in grado di avere un risultato molto costruttivo, che ha a che fare con la continuità del funzionamento delle attrezzature dell’agenzia qui”, ha detto Grossi. È “indispensabile per noi fornire la garanzia e le informazioni necessarie all’Aiea e al mondo che tutto sia in ordine”.

Eslami ha descritto i negoziati tra l’Iran e l’AIEA con sede a Vienna come “puramente tecnici”, senza spazio per la politica. Ha detto, senza approfondire, che Grossi sarebbe tornato presto in Iran per parlare con i funzionari. Inoltre, non è stato detto se l’Iran avrebbe consegnato copie delle registrazioni più vecchie, che Teheran aveva minacciato in precedenza di distruggere.

“Le schede di memoria sono sigillate e conservate in Iran secondo la routine”, ha detto Eslami. ”Nelle fotocamere verranno installate nuove schede di memoria. Questa è una tendenza normale e naturale nel sistema di monitoraggio dell’agenzia”.

Una dichiarazione congiunta rilasciata dall’AIEA e dall’Iran ha confermato l’intesa, affermando solo che “il modo e i tempi sono concordati dalle due parti”.

L’annuncio potrebbe guadagnare tempo per l’Iran in vista di una riunione del consiglio dell’AIEA questa settimana, in cui si prevede che le potenze occidentali continueranno a sostenere che Teheran venga censurato per la sua mancanza di cooperazione con gli ispettori internazionali. Eslami ha detto che l’Iran prenderà parte a quell’incontro e che i suoi negoziati con l’AIEA continueranno lì.

L’AIEA ha dichiarato agli Stati membri nel suo rapporto trimestrale riservato la scorsa settimana che le sue attività di verifica e monitoraggio sono state “gravemente compromesse” da febbraio dal rifiuto dell’Iran di consentire agli ispettori di accedere alle apparecchiature di monitoraggio.

L’AIEA ha affermato che alcune apparecchiature di monitoraggio e sorveglianza non possono essere lasciate senza manutenzione per più di tre mesi. È stato fornito l’accesso questo mese a quattro telecamere di sorveglianza installate in un sito, ma una delle telecamere è stata distrutta e un’altra è stata gravemente danneggiata, ha affermato l’agenzia.

L’Iran e le potenze mondiali hanno concordato nel 2015 l’accordo nucleare, che ha visto Teheran limitare drasticamente il suo arricchimento di uranio in cambio della revoca delle sanzioni economiche. Nel 2018, l’allora presidente Trump ha ritirato unilateralmente l’America dall’accordo, aumentando le tensioni in tutto il Medio Oriente e scatenando una serie di attacchi e incidenti.

Il presidente Biden si è detto disposto a rientrare nell’accordo, ma finora i colloqui indiretti non hanno ancora avuto successo. Nel frattempo, l’Iran ha eletto presidente Ebrahim Raisi, un protetto della linea dura del leader supremo Ayatollah Ali Khamenei. Raisi ha anche affermato di volere che l’Iran riacquisti i benefici dell’accordo, sebbene Teheran in generale abbia assunto una posizione più dura dalla sua vittoria.

In Israele, il primo ministro Nafatli Bennett ha esortato le potenze mondiali a non “cadere nella trappola dell’inganno iraniano che porterà a ulteriori concessioni” per superare l’impasse. Israele, ampiamente ritenuto in possesso di armi nucleari, ha a lungo accusato l’Iran di cercare una bomba atomica. Teheran sostiene che il suo programma è pacifico, sebbene le agenzie di intelligence statunitensi e gli ispettori internazionali credano che la Repubblica islamica abbia perseguito la bomba in un programma organizzato fino al 2003.

“Non devi rinunciare a ispezionare i siti – e la cosa più importante, il messaggio più importante, è che ci deve essere un limite di tempo”, ha detto Bennett. L’Iran sta “trascinando; dobbiamo fissare una scadenza chiara che dica: fino a qui”.

Il premier ha aggiunto: “Il programma nucleare iraniano è al punto più avanzato di sempre. … Dobbiamo occuparci di questo progetto.”

Israele è sospettato di aver lanciato più attacchi contro l’impianto nucleare iraniano di Natanz, oltre che di aver ucciso uno scienziato associato al programma nucleare militare iraniano l’anno scorso.

Da Riyadh, i massimi diplomatici dell’Arabia Saudita e dell’Austria hanno espresso congiuntamente preoccupazione per i progressi nucleari dell’Iran, con il ministro degli Esteri austriaco Alexander Schallenberg che ha citato “l’incapacità dell’Iran di consentire l’accesso per le ispezioni nucleari”.


Happy

Happy

0 %


Sad

Sad

0 %


Excited

Excited

0 %


Sleepy

Sleepy

0 %


Angry

Angry

0 %


Surprise

Surprise

0 %

- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest News

Nella tradizione del Ringraziamento, Biden concede la grazia presidenziale a un tacchino; entrambi gli uccelli ottengono una tregua

Tuttavia, la tradizione di perdonare un tacchino non è diventata un evento annuale fino a anni dopo, quando il...

Il Nicaragua dice che lascerà l’Organizzazione degli Stati americani

MANAGUA, Nicaragua - Il governo del Nicaragua ha annunciato venerdì che si ritirerà dall'Organizzazione degli Stati americani, un organismo regionale che ha accusato il...

Il dibattito sulle armi nucleari in Germania tocca un nervo scoperto della NATO

Che cosa con il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko che arma i migranti contro la Polonia, la Russia che ammassa truppe al confine con l'Ucraina...

Pneumatici dei palestinesi tagliati nel teso quartiere di Gerusalemme

La polizia israeliana ha sparato e ucciso Khazimia a settembre, quando avrebbe tentato di accoltellare un ufficiale nella Città Vecchia di Gerusalemme. Abu...

La FDA autorizza Pfizer-BioNTech, i booster Moderna per tutti gli adulti

Ma David Dowdy, un epidemiologo della Johns Hopkins, ha espresso scetticismo sul fatto che i booster possano influenzare il corso della pandemia. "Se...
- Advertisement -

More Articles Like This

- Advertisement -