Monday, November 29, 2021
No menu items!
  • Affari
0 0

I leader di Taiwan devono unirsi attorno a un concetto di difesa

Must Read

Nella tradizione del Ringraziamento, Biden concede la grazia presidenziale a un tacchino; entrambi gli uccelli ottengono una tregua

Tuttavia, la tradizione di perdonare un tacchino non è diventata un evento annuale fino a anni dopo, quando il...

Il Nicaragua dice che lascerà l’Organizzazione degli Stati americani

MANAGUA, Nicaragua - Il governo del Nicaragua ha annunciato venerdì che si ritirerà dall'Organizzazione degli Stati americani, un organismo...

Il dibattito sulle armi nucleari in Germania tocca un nervo scoperto della NATO

Che cosa con il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko che arma i migranti contro la Polonia, la Russia che ammassa...
Read Time:4 Minute, 33 Second

Per Taiwan, una deterrenza credibile contro l’aggressione militare cinese richiede l’alchimia di molteplici elementi. Questi includono una forte volontà di combattere tra la popolazione, potenti capacità militari e uno stretto coordinamento con altri attori – inclusi Stati Uniti e Giappone – i cui interessi vitali sarebbero colpiti da qualsiasi conflitto. Uno degli elementi più importanti, però, è una forte e sostenuta coesione interna a sostegno di un chiaro concetto di difesa.

Combinare tutti questi elementi insieme è una sfida formidabile. Mentre ci sono dibattiti in corso sull’imminente attacco militare della Repubblica Popolare Cinese (RPC) o se un’invasione sia legata a una linea temporale predeterminata, non c’è dibattito sulla realtà osservabile che l’esercito della RPC capacità sono in espansione. Con la crescita delle capacità è arrivata una crescente volontà da parte di Pechino di intensificare la pressione militare su Taiwan. La spedizione della Cina di 148 aerei da guerra attraverso la zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan all’inizio di ottobre è solo l’ultimo promemoria di questa realtà.

Di fronte a queste tendenze, i leader di Taiwan sono costretti a trovare un equilibrio tra diverse priorità in competizione. Da un lato, Taipei deve decidere come rispondere alla crescente pressione militare della zona grigia di Pechino. Allo stesso tempo, Taiwan ha bisogno di sviluppare capacità per scoraggiare le contingenze militari di alto livello, inclusa ma non limitata all’invasione su vasta scala. E ha bisogno di sviluppare risposte che si adattino all’ambito dei suoi vincoli fiscali e riflettano un senso di urgenza per affrontare eventuali contingenze che possono sorgere.

Fortunatamente, da un po’ di tempo c’è stata una riflessione profonda e sostenuta su questo tipo di domande. Per oltre un decennio, i pianificatori militari statunitensi e taiwanesi sono stati silenziosi deliberando su come Taiwan può difendersi nel modo più efficace. Queste discussioni sono proseguite attraverso le amministrazioni del Kuomintang (KMT) e del Partito Democratico Progressista (DPP) a Taiwan e hanno attraversato le amministrazioni democratiche e repubblicane negli Stati Uniti.

Un risultato importante di questi sforzi è stata l’idea di un “strategia del porcospino”, un approccio che cerca di sfruttare i vantaggi geografici e innovativi di Taiwan per creare un obiettivo dolorosamente costoso da sottomettere per Pechino. Questo approccio allontana Taiwan dal cercare di affermare il controllo marittimo, la superiorità aerea e la capacità di attacco a lungo raggio verso l’enfasi sulla prevenzione della capacità della Cina di occupare Taiwan con la forza militare. In questo concetto, le forze di Taiwan concentrerebbero il campo di battaglia sui loro vantaggi geografici attaccando le forze di invasione nei loro punti di massima vulnerabilità vicino alle coste di Taiwan, piuttosto che cercare di impegnare forze sulla terraferma o nello stretto di Taiwan.

Per funzionare, un tale approccio richiede a Taiwan di acquisire grandi quantità di piccole cose che potrebbero segnalare a un avversario che qualsiasi tentativo di imporre un risultato militare a Taiwan comporterebbe costi e rischi significativi. Le capacità che si adattano a questo profilo includono missili da crociera altamente mobili per la difesa costiera, difesa aerea a corto raggio, mine navali, artiglieria mobile, risorse di sorveglianza avanzata e veicoli aerei e subacquei senza equipaggio, tra gli altri. Come David Helvey, uno dei principali contributori intellettuali americani allo sviluppo di questo concetto asimmetrico in precedenza notato, tutti questi sistemi sono “molto meno costosi da utilizzare e mantenere, e sono più sopravvissuti, rispetto a piattaforme più convenzionali come aerei da combattimento o grandi navi militari”.

In lei Discorso inaugurale di maggio 2020 all’inizio del suo secondo mandato, il presidente Tsai Ing-wen sembrava abbracciare questo approccio, affermando che il suo primo obiettivo di difesa nazionale era “accelerare lo sviluppo delle nostre capacità asimmetriche”. In seguito osservazioni pubbliche, ha affermato di essere “impegnata ad accelerare lo sviluppo di capacità asimmetriche nell’ambito del concetto di difesa globale”.

La dichiarazione di Tsai è stata accolta calorosamente a Washington, dove il sostegno a una “strategia del porcospino” è generalmente piuttosto forte nel governo degli Stati Uniti e nella comunità di esperti. L’apparentemente follow-through irregolare dal Ministero della Difesa Nazionale (MND) di Taiwan nell’attuazione del concetto di difesa negli anni successivi, tuttavia, ha sollevato più domande che risposte.

C’è un percezione in alcuni quartieri di Washington che l’approccio asimmetrico sostenuto dal presidente Tsai è stato reso irriconoscibile negli ultimi anni da un MND recalcitrante. Secondo questa linea di pensiero, il MND vuole preservare i sistemi legacy e concetti di difesa obsoleti e sta trascinando i piedi su grandi cambiamenti verso una forza più mobile e sopravvissuta.

In definitiva, i leader di Taiwan dovranno essere onesti con il popolo di Taiwan sulla minaccia che Taiwan deve affrontare e sui compromessi che saranno necessari per far fronte alla minaccia. Dovranno essere prese decisioni difficili e poi attuate. I leader dovranno decidere a quali capacità militari dare priorità. Dovranno decidere se l’obiettivo è cercare di distruggere le capacità dell’avversario o negare la sua capacità di occupare Taiwan. Dovranno determinare il giusto equilibrio tra la spesa per i servizi sociali per una società che invecchia rispetto alla difesa e se gli attuali livelli di entrate fiscali sono sufficienti per coprire queste richieste di duello.

Maggiore è l’allineamento che i leader di Taiwan di entrambi i principali partiti possono raggiungere su queste questioni e più duraturo diventa il concetto di difesa di Taiwan, maggiore sarà l’impatto che Taipei avrà sui calcoli del loro avversario sui rischi dell’uso della forza nel perseguimento di obiettivi politici. I rischi per Taiwan sono significativi, ma il conflitto non è inevitabile.


Happy

Happy

0 %


Sad

Sad

0 %


Excited

Excited

0 %


Sleepy

Sleepy

0 %


Angry

Angry

0 %


Surprise

Surprise

0 %

- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest News

Nella tradizione del Ringraziamento, Biden concede la grazia presidenziale a un tacchino; entrambi gli uccelli ottengono una tregua

Tuttavia, la tradizione di perdonare un tacchino non è diventata un evento annuale fino a anni dopo, quando il...

Il Nicaragua dice che lascerà l’Organizzazione degli Stati americani

MANAGUA, Nicaragua - Il governo del Nicaragua ha annunciato venerdì che si ritirerà dall'Organizzazione degli Stati americani, un organismo regionale che ha accusato il...

Il dibattito sulle armi nucleari in Germania tocca un nervo scoperto della NATO

Che cosa con il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko che arma i migranti contro la Polonia, la Russia che ammassa truppe al confine con l'Ucraina...

Pneumatici dei palestinesi tagliati nel teso quartiere di Gerusalemme

La polizia israeliana ha sparato e ucciso Khazimia a settembre, quando avrebbe tentato di accoltellare un ufficiale nella Città Vecchia di Gerusalemme. Abu...

La FDA autorizza Pfizer-BioNTech, i booster Moderna per tutti gli adulti

Ma David Dowdy, un epidemiologo della Johns Hopkins, ha espresso scetticismo sul fatto che i booster possano influenzare il corso della pandemia. "Se...
- Advertisement -

More Articles Like This

- Advertisement -